Edizione di venerdì 21 settembre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Rublo russo: è crisi contro il dollaro americano

Le valute emergenti non stanno attraversando un buon periodo. Dopo il crollo della lira turca è il turco del rublo russo; la valuta in realtà aveva già mostrato segni di sofferenza per le tensioni con gli USA, e questo del momento è “solo” l’ennesimo calo da inizio anno. Durante la scorsa notte la coppia USD/RUB ha segnato nuovi massimi che non si raggiungevano da aprile 2016.

Per fare deduzioni sull’andamento di una moneta occorre infatti guarda all’economia globale del Paese di riferimento. La Russia sta attraversando una dura crisi economica già da due anni, tanto che la Banca Centrale ha comunicato l’interruzione degli acquisti di valuta estera. In questo modo si dovrebbe porre un freno all’alta volatilità del cambio e accumulare riserve pubbliche di monete estere. La Banca ha inoltre dichiarato di avere i mezzi per far fronte alla drammatica situazione e garantire la stabilità finanziaria. Un ritorno agli acquisti in valuta estera potrebbe riprendere a settembre.

Previsioni rublo russo, ecco come investire

Le previsioni a medio termine sono negative. Alla luce di questi eventi potremmo aprire posizioni ribassiste sul rublo russo, entrando sul livello di chiusura odierno e ponendo uno stop loss a 69,44; l’obiettivo principale sarebbe a 65,65.

Apri un conto demo gratuito per fare trading con Binck Bank

Ma c’è speranza che il rublo si riprenda? A breve termine riteniamo di no. Tuttavia, data la strettissima connessione tra l’economia russa e il petrolio, dobbiamo tenere sott’occhio anche l’andamento dell’oro nero. La commodity si sta pian piano rialzarsi, e se dovesse iniziare un vero e proprio rally, il suo prezzo potrebbe sostenere quello della valuta russa. Inoltre, aspettiamo la prossima riunione OPEC (che si terrà il 3 dicembre) per conoscere le prossime politiche petrolifere; correzioni sulle norme di estrazione potrebbero incidere sia sulla materia prima che sul rublo.

Il rublo è una valuta senza dubbio interessante, ma non facile da gestire. Il modo migliore per investire è senza dubbio il trading tramite i CFD, che ci consente di guadagnare anche quando la moneta scende di prezzo; viceversa sconsigliamo l’acquisto di obbligazioni statali. Il volto della Russia sta cambiando, e investire in titoli potrebbe essere molto rischioso e poco o nulla remunerativo.

Trovi qui ulteriori spunti per investire sul rublo russo.