Edizione di domenica 18 novembre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Bitcoin, futures fisici in arrivo su Bakkt: lancio previsto per il 12 dicembre

Dicembre sembra essere un mese ricco di novità per i Bitcoin. Ricordiamo infatti che a fine 2017 avevamo avuto il lancio dei futures Bitcoin da parte del CME Group (la Borsa di Chicago).

Ora invece ci spostiamo a New York; qui la ICE (InterContinental Exchange) ha annunciato di essere in attesa dell’approvazione da parte dell’autorità per il lancio di futures fisici in Bitcoin. Se tutto andrà come spera, questi nuovi strumenti saranno attivi dal 12 dicembre 2018 sulla piattaforma crittografica Bakkt. Ma vediamo subito come funzionerà.

Dopo che un investitore acquista i futures su Bitcoin fisici, questi verranno liquidati lo stesso giorno alle 17:00 (ora USA orientali) e consegnati nel conto dell’investitore presso l’ICE Digital Asset Warehouse; a questo punto l’utente potrà utilizzare il Bitcoin come preferisce. Il vantaggio è che si potranno quindi acquistare direttamente i BTC in maniera sicura e regolamentata. I futures, dicono fonti anonime, dovrebbero essere inclusi nell’offerta di tutte le tradizionali piattaforme di trading azionario.

Se ti stai chiedendo qual è la differenza con i futures oggi disponibili a Chicago, è presto detto. Questi ultimi vengono liquidati in valuta FIAT, non hanno cioè “davvero” le crypto a supporto. Investire nei futures del CME ha poca o nulla rilevanza nell’andamento del Bitcoin, perché non aumenta la richiesta di valuta digitale.

Previsioni Bitcoin: i futures alzeranno il prezzo?

Secondo molti esperti questo tipo di futures potrebbe rilanciare il prezzo dei Bitcoin e accelerare l’ingresso del rally tanto sperato dai crypto-addicted.

Va anzitutto notato che la presenza di futures Bitcoin sulle piattaforme di trading azionario potrebbe fare affluire nel comparto criptovalutario ingenti capitali. Le monete virtuali, in questo caso BTC, potrebbero essere per gli investitori un asset come un altro per diversificare il proprio portafoglio.

Si prevede addirittura un breakout della moneta, che dovrebbe scatenare un aumento della domanda e, di conseguenza, del costo. L’approvazione da parte della CFTC, se ci sarà, sarebbe quindi un deciso segnale rialzista, decisivo per legittimare l’intero comparto tra gli investitori istituzionali.

Infine, futures fisici sui BTC potrebbero aprire la strada agli ETF in Bitcoin, strumento di cui abbiamo analizzato qui i possibili vantaggi per la crypto.