Edizione di giovedì 16 agosto 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Bitcoin Gold: dal 25 ottobre una nuova scissione dei Bitcoin

Ci stiamo avvicinando a grandi passi verso una nuova scissione dei Bitcoin, che questa volta porterà alla nascita dei Bitcoin Gold. Quali sono i motivi di questa scissione e che cosa comporterà per il prezzo dei Bitcoin classici e dei Bitcoin Cash?

Bitcoin Gold: i motivi della scissione

La motivazione principale della scissione è da ricercare nel fatto che il sistema di mining dei Bitcoin, ovvero di creazione della criptovaluta, è molto complesso ed articolato e per lo più è in mano a grosse farm cinesi.

Il punto della questione è che per estrarre un Bitcoin c’è bisogno di fare dei calcoli matematici molto complessi, che si possono realizzare solo con hardware specifici.

Ovviamente, il mining ha un certo costo, e per essere profittevole è necessario che l’elettricità consumata sia a buon mercato.

Alla lunga, questo ha portato ad una concentrazione dell’estrazione dei Bitcoin nelle mani di aziende cinesi.

Perché Bitcoin Gold

L’idea alla base della scissione è quella di voler far tornare a minare anche gli utenti semplici, chi ha un computer da casa con il quale vuole creare un po’ di Bitcoin e guadagnare un po’.

Il Bitcoin Gold si potrà minare anche comodamente da casa, e questo è senza dubbio un grande vantaggio per tanti piccoli “miners” che sono esclusi dalla “corsa al bitcoin”.

> Investire in Bitcoin nel 2018

Nascita Bitcoin Gold: quando?

La nascita dei Bitcoin Gold è prevista per il 25 ottobre prossimo, tra meno di 10 giorni. Non è ancora dato sapere il prezzo, ma quel che è certo è che chi ha in portafoglio dei Bitcoin, si ritroverà anche con un Bitcoin Gold per ogni Bitcoin “classico” in possesso.

Se si guarda all’andamento del Bitcoin Cash dal giorno della sua nascita, si nota un prezzo in salita ed una quota di mercato che, oggi, è pari al 5% di quella dei Bitcoin, per cui si può immaginare anche una salita del prezzo dei Bitcoin Gold.

Nuova scissione (la terza) già a metà novembre?

Quello che, in realtà, preoccupa maggiormente sono i contrasti interni legati a SegWit2x, l’upgrade del bitcoin che permette di estrarre la criptovaluta più velocemente. SegWit2x ha portato ad un ampliamento dei blocchi della blockchain e ad una maggior velocità di certificazione. Il nuovo protocollo verrà implementato a partire dal 18 novembre prossimo, e sarà supportato anche dalle più grandi piattaforme, per cui i rischi in quell’occasione sono legati ad un contrasto tra sviluppatori e miners, il che farebbe venire a galla i rischi di una nuova scissione.