Edizione di venerdì 21 settembre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Bitcoin: ecco come si svolgerà il programma di dimezzamento mining

Come sappiamo, Bitcoin è stato creato per avere un rifornimento massimo di 21 milioni di token. I rendimenti dall’attività di mining seguono una progressione geometrica decrescente; in pratica ogni 210.000 blocchi viene tagliata a metà la ricompensa del blocco, finché alla fine non si esauriranno le monete.

All’inizio il premio era di 50 BTC per blocco, e così è rimasto sino al 28 novembre 2012, quando è stato raggiunto il blocco 210.000. A quel punto si è passati ad una ricompensa di 25 BTC, che a quel tempo significavano 625$ anziché i 1.250 precedenti. Il prezzo della crypto è però contestualmente aumentato, e dunque al raggiungimento del secondo “pezzo”, nel 2016, il premio di 12,5 BTC corrispondeva a 8.250$.

Quella fu l’ultima volta che la ricompensa si è dimezzata, e da allora il prezzo di Bitcoin è cresciuto esponenzialmente, e con lui anche i mining-addicted. Ad oggi, la risoluzione dell’algoritmo di un blocco vale circa 84.000$.

Apri un conto demo gratuito per fare trading con Binck Bank

Qualche giorno fa Bitcoin si trovava al blocco 538.658, cioè quasi al giro di boa del 630.000 che vedrà un’ulteriore riduzione del premio a 6,25 BTC. Secondo le previsioni, ciò potrebbe verificarsi nella primavera del 2020, ma è difficile fare una stima precisa.

Al momento il tempo medio per l’apertura del blocco è di 10 minuti, ma potrebbe ridursi perché l’hashrate è in forte aumento a lungo termine. Sono già stati estratti 17.233.00 di BTC, cioè l’82% del “capitale” iniziale; meno di 4 milioni, insomma, alla fine delle scorte. Successivamente, i minatori saranno pagati unicamente con le spese di transazione.

Conviene ancora minare Bitcoin?

Iniziamo subito col dire che alla quotazione attuale della crypto (poco più di 7.000$), minare senza dovere investire tramite trading o compravendita di token potrebbe sembrare una buona idea. In realtà i costi della corrente elettrica sono elevatissima, e difficilmente un computer casalingo, per quanto potente, potrebbe fare un mining efficace.

Se vivi in un Paese in cui i costi della fornitura energetica sono bassi, o hai a disposizione un’ottima copertura di pannelli solari, forse potresti minare Bitcoin e guadagnare; sempre a patto di investire qualche centinaio di euro in hardware. 

L’alternativa è il cloud mining, cioè l’affitto a quota fissa mensile, peraltro estremamente ridotta, di computer e hashrate. Trovi qui un approfondimento e qualche suggerimento sulle migliori piattaforme per il cloud mining.