Edizione di giovedì 13 Dic 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Crypto Juventus dal 2019: i dettagli dell’operazione

Dopo l’acquisto di CR7 la Juventus non sembra fermarsi nel suo progetto di ingrandimento. Prendendo spunto da un altro football club, il Paris Saint-Germain, a partire dale 2019 i bianconeri avranno una propria criptovaluta.

Ufficiale la notizia di un accordo con Socios.com, agenzia maltese con doppia “specializzazione”; da un lato fan engagement, dall’altro la tecnologia blockchain.

Come abbiamo avuto modo di vedere più volte, la catena di blocchi è uno strumento formidabile e versatile che può prestare la sua struttura  a molteplici applicazioni. Non a caso, molti economisti sostengono che la blockchain migliorerà l’economia a livello mondiale.

Ma quando avremo uno Juve-Token? Secondo le recenti dichiarazioni, pare che entro il primo trimestre del prossimo anno avremo una valuta digitale. Nome un po’ lungo forse, lo Juventus Official Fan Token, ma facilmente abbreviabile in JOFT.

Al nuovo anno i sostenitori della squadra potranno acquistare i gettoni bianconeri durante il Fan Token Offering, una vera e propria IPO.

Il mondo delle criptovalute si allarga, a testimoniare che questi (relativamente) nuovi strumenti sono tutt’altro che sull’orlo del declino. Anzi, ciò dimostra che, soprattutto fuori dall’ambito strettamente finanziario, le valute digitali possono costituire un ponte importate tra supporter e società promotrice di un progetto. Ancor di più il sistema sotteso, ossia la blockchain, qual registro sicuro per la raccolta di dati e di fondi.

Token Juventus, a cosa servirà?

I JOFT saranno ‘generabili’ attraverso la conversione dei Chiliz-indicati anche come $ Chiliz-ossia i cosiddetti ‘token nativi’ acquistabili in € direttamente sul sito Socios.com .

ChiliZ è una criptovaluta basata sulla blockchain di Ethereum. I tifosi che acquisteranno i token potranno votare e partecipare ai sondaggi dedicati al loro club. Naturalmente, più gettoni si avranno più si avrà “potere decisionale” durante le votazioni.

L’esigenza nasce dall’enorme numero di tifosi del club, ben 340 milioni. Di questi, almeno 60 milioni sono attivi sui social, e da qui l’idea di rendere l’esperienza di partecipazione ad alto contenuto tecnologico.

Dal comunicato ufficiale si legge infatti che l’iniziativa è “Un modo innovativo per permettere ai fans di far sentire la propria voce, creando una connessione ancora più forte con i colori bianconeri, e un’opportunità per il Club di continuare la propria strategia di fan engagement globale, in particolar modo nei confronti dei tifosi fuori dall’Europa”.