Edizione di venerdì 16 novembre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

EOS spodesterà Ethereum?

Eos è la nona criptovaluta per capitalizzazione di mercato, che al momento è poco più di 5,7 miliardi di dollari. Secondo analisti ed esperti del settore, EOS potrebbe scalzare Ethereum dal secondo posto. A detta dei più arditi sarebbe una rivale temibile perfino per Bitcoin. In effetti il crollo del prezzo dei BTC aiuta le crypto più giovani a farsi strada, ricordiamo ad esempio la scalata di Tether.

Al momento della scrittura il prezzo di Eos è di 8,04$, in calo del 2%, mentre gli ETH è di 861,07$, in calo anch’esso (-1%). La differenza di costo, e dunque di capitalizzazione, sembra abissale, ma è utile vedere le novità di Eos per capirne la portata innovatrice.

Eos: differenze con Ethereum

Dror Medalion, Amministratore Delegato e fondatore di bitJob, una piazza P2P decentralizzata per giovani e studenti che cercano telelavoro a breve termine, spiega le differenze tra EOS ed Ethereum: “Mentre Ethereum utilizza un protocollo Proof of Work (e passerà presto all’ibrido Proof of Work/Proof of Stake), EOS utilizzerà la tecnologia Graphene che usa il meccanismo di approvazione Delegated Proof-of-Stake (DPOS).”

In effetti sia il Proof of Work che il Proof of Stake hanno il limite di non potere correggere le applicazioni danneggiate. O, per lo meno, con ritardi ed enormi difficoltà. Eos invece, al momento dell’errore, freeza e corregge l’applicazione, consentendo un immediato intervento sui punti deboli critici della blockchain

Arriviamo partnership con Bancor, sviluppatore dell’omonimo protocollo che consente di convertire con rapidità e facilità i token. Il protocollo per l’implementazione dovrebbe essere avviato per giugno 2018. Dal momento che ad oggi Ethereum è l’unica valuta digitale ad offrire il protocollo Bancor, è chiaro quanto Eos possa diventare temibile levandole il monopolio.

Da queste premesse si intuisce quanto Eos possa stare scomoda ad Ethereum, ma non dobbiamo sottovalutare la solidità della crypto di Vitalik Buterin. Gli ether infatti sono la più grande rete al mondo di monete virtuali, gli smart contracts sono sempre più pervasivi e nascono di continuo prodotti e servizi basati sulla piattaforma.

Resta da vedere, in sintesi, quanto i vantaggi di Eos, che possiamo riassumere in miglioramento della scalabilità, della velocità e della sostenibilità economica, riescano a convertire gli habitué di Ethereum.