Edizione di giovedì 24 maggio 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Investire in ZCash: le previsioni 2017 – 2018

ZCash è tra le cryptocurrency che maggiormente meritano d’essere tenute d’occhio. È relativamente giovane e il suo papà non è un visionario giapponese avvolto nel mistero né un giovane nerd russo, ma un team di diligenti studenti dell’Università di Baltimora. Il dipartimento di crittografia di quest’accademia vanta una lunga tradizione di innovazioni e successi, e anche stavolta non deludono.

Previsioni 2017 – 2018 quotazione ZCash

La moneta è stata lanciata ad ottobre del 2016, e dopo un iniziale rally ha perso rapidamente terreno. Il flop non ha però scoraggiato i trader, fiduciosi soprattutto dell’innovativa tecnologia di ZCash. Se infatti il 2016 e l’inizio del 2017 sono stati fiacchi, gli ultimi 10 mesi hanno visto un incredibile rialzo, che nulla ha da invidiare a quello di criptovalute più cercate. Dai 50$ di inizio anno, ZCash è passata ai 270$, registrando un aumento del 440% in meno di un anno; oggi la quotazione della valuta digitale è di 274,09$.

Una prestazione del genere lascia ben sperare per il futuro: se i numeri dovessero continuare a crescere così si tratterebbe di un investimento da non lasciarsi scappare, considerando anche che il mining è molto più leggero ed economico di quello di Bitcoin. Infine, ZCash ha da poco ottenuto lo stato di beneficenza pubblica grazie alla sua politica di protezione della privacy e trasparenza; questo riconoscimento potrebbe risultare elemento di fiducia prezioso per gli investitori e far proseguire il trend rialzista.

ZCash, più anonima di Bitcoin

ZCash nasce originariamente come ZeroCash, un’hard fork di Bitcoin. Lo scopo era quello di rendere le transazioni in criptovalute totalmente anonime. Non solo Bitcoin, ma anche le sorelle più famose come Ethereum non hanno una copertura della privacy del 100%: tramite le operazioni di mining è infatti possibile rilevare, ad esempio, le abitudini di acquisti.

ZCash invece sfrutta la tecnologia Zero Knowledge Proof (“dimostrazione a conoscenza zero”) tramite cui i dettagli completi sulle transazioni vengono resi opachi, cioè non pubblicati all’interno del registro pubblico. In particolare, vengono nascosti il mittente, il destinatario e la transazione tra loro avvenuta. In tal modo ZCash riesce a garantire il 100% di anonimato, e rendersi molto interessante in un periodo come questo in cui molti governi stanno cercando una regolamentazione per le cryptocurrency.