Migliori portafogli criptovalute

Sei alla ricerca dei migliori portafogli criptovalute per il 2021, e sei indeciso dove poter conservare in sicurezza le tue crypto? (bitcoin, ethereum, e così via).

Migliori portafogli criptovalute

Leggi la nostra guida approfondita ai wallet criptovalute più affidabili e sicuri.

Il mondo delle criptovalute è qualcosa di decisamente ampio, e sono molte le cose da conoscere quando ci si avvicina a questa realtà.

Nel nostro articolo vogliamo andare a parlare nello specifico di uno degli aspetti più innovativi e più utilizzati negli ultimi tempi, ovvero il portafoglio delle criptovalute.

In termine tecnico si chiama wallet di criptovalute, e di fatto è un portafoglio elettronico con il quale si può andare a conservare sul proprio account la valuta digitale che si è acquistata, in modo da attendere il momento in cui il suo valore è cresciuto per andare a scambiarla e ottenere un profitto.

Grazie a questo sistema, ovvero con il portafoglio, si potrà andare ad operare sulle criptovalute a 360 gradi, potendo eseguire operazioni in Bitcoin, Ethereum, Ripple, Litecoin e qualsiasi altra criptovaluta.

Entriamo adesso nel dettaglio del nostro argomento, andando a fare un viaggio nel cuore di questa opportunità di investimento, osservando quali sono al momento i migliori portafogli per operare con le criptovalute.

Tipologie di portafoglio

Prima di andare a conoscere da vicino i portafogli, vediamo quali sono le tipologie su cui ci si può indirizzare:

Portafogli online

Come dice la parola stessa, si tratta di wallet per criptovalute che hanno come base operativa l’web.

Ci sono molti siti internet che permettono di realizzate portafogli di criptovalute, e cosa non da poco a titolo gratuito. La loro interfaccia semplice e molto intuitiva permette anche a chi non ha grande dimestichezza con la tecnologia di poter fare le proprie operazioni.

Tra i migliori portafogli online per criptovalute possiamo sicuramente citare Coinbase (sito ufficiale).

Portafogli hardware

I portafogli hardware come Ledger Nano S (sito ufficiale) sono una delle soluzioni più sicure ed affidabili per conservare le criptovalute.

Essendo dei wallet hardware, non c’è il rischio di un attacco hacker, ma al tempo stesso si potrebbero smarrire (anche in questo caso, grazie alle chiavi di recupero, si possono comunque riportare i propri Bitcoin su un nuovo wallet).

App per smartphone

La tecnologia ha permesso di utilizzare anche i propri smartphone, grazie alla realizzazione di app che fungono da portafoglio per le criptovalute, in modo da avere il proprio business sempre a portata di mano.

Con la app si potrà accedere al proprio portafoglio in maniera rapida, potendo tenere costantemente sotto controllo tutto quello che riguarda le proprie operazioni e l’andamento della criptovaluta acquistata.

Software

Sono ovviamente programmi che permettono di avere a disposizione una pagina di lavoro con la quale andare a tenere traccia del proprio lavoro. Sono stati realizzati proprio per queste specifiche operazioni, dunque, sono estremamente chiari e facili da comprendere.

Portafoglio cartaceo per criptovalute

Si tratta di una cosa molto semplice, ovvero realizzare un wallet cartaceo andando a stampare direttamente il proprio contratto finanziario relativo all’acquisto della moneta digitale.

Migliori portafogli per criptovalute 2021

Vediamo adesso quali sono i migliori portafogli per criptovalute:

Coinbase

Tra quelli che andremo ad osservare, Coinbase (sito ufficiale), è quello che più si addice alle operazioni in criptovalute. Questo chiaramente perché nasce esclusivamente come strumento per operare con le monete digitali, quindi tutto è stato sviluppato affinché le cose filino in maniera precisa e trasparente, ma soprattutto in modo corretto.

Siamo di fronte ad un portafoglio per criptovalute che non opera esclusivamente con i Bitcoin, ma che permette di accedere a molte altre monete digitali.

Tra le opzioni possibili con Coinbase (sito ufficiale) citiamo alcune tra le più conosciute, ovvero quelle che sono più richieste e che vedono la maggioranza delle operazioni da parte degli investitori. Parliamo di Ethereum, Bitcoin Cash, XRP, Stellar Lumens, Dogecoin, Ethereum Classic e Litecoin.

Al momento possiamo dire che Coinbase (sito ufficiale) è tra i migliori portafogli per criptovalute, e questo lo si può evincere dal numero elevato di investitori che si rivolge ad esso, e dal volume di transazioni fatte dalla sua nascita ad oggi, che è tra i maggiori in assoluto all’interno del settore.

Ledger Nano S

Con Ledger Nano S (sito ufficiale) siamo di fronte ad un sistema hardware per la gestione del proprio wallet crypto, infatti, si tratta di una chiavetta USB che contiene un programma dedicato a questa specifica area finanziaria.

Ledger Nano S (sito ufficiale) è un portafoglio hardware che permette a chi lo utilizza di andare a conservare e trasferire criptovalute, non solo Bitcoin, ma anche altre monete virtuali, tra cui citiamo le più importanti come Ethereum, Litecoin, Bitcoin Cash e ZCash.

Essendo una chiavetta USB è possibile collegarla a qualsiasi dispositivo che possieda questo tipo di ingresso, sebbene disponga di un display incorporato sul quale visualizzare le informazioni, per una migliore fruizione è bene guardare le informazioni su un display classico.

Con Ledger Nano S (sito ufficiale) sarà possibile effettuare le principali operazione che si possono fare con le criptovalute, come ad esempio l’importazione e l’esportazione sicure di fogli di recupero, sistema che come si può facilmente capire ci permette di godere di un facile backup e ripristino su qualsiasi dispositivo compatibile con gli standard BIP39/BIP44.

La chiavetta è garantita per essere a prova di malware, e in quanto alla compatibilità sappiamo che si adatta a sistemi operativi come windows 7 e superiori, Linux e Mac 10.9 e superiori.

La Ledger Nano S è acquistabile direttamente sul sito ufficiale >>

Trezor Hard Wallet

Anche con Trezor (sito ufficiale) siamo di fronte ad un wallet hardware che si connette al PC tramite una porta USB.

Come nel caso precedente, la sua forza è proprio la possibilità di fare diverse operazioni in modo semplice e rapido grazie all’ausilio di uno strumento come il computer e quindi uno schermo di adeguate dimensioni.

Per quanto riguarda quello che si può fare una volta effettuato l’accesso, osserviamo che sarà possibile stockare, inviare e ricevere criptovalute di qualsiasi natura, quindi non solo le principali.

Oltre al Bitcoin ed Ethereum, infatti, grazie a Trezor Hard Wallet (sito ufficiale) si potranno effettuare transazione con Litecoin, Namecoin, Dogecoin, e anche altre criptovalute come Dash, Bitcoin Testnet e ZCash.

La sicurezza di Trezor (sito ufficiale) è uno dei punti forti, in quanto oltre alla necessità di inserire una password manager per accedere al proprio portafoglio, sarà necessaria una procedura di autenticazione che si svolge in due step.

Un ulteriore elemento interessante legato a Trezor Hard Wallet (sito ufficiale) è il fatto di poter essere integrato con altri wallet molto conosciuti e utilizzati, quali ad esempio MyEtherWallet e Copay.

Keepkey

Keepkey (sito ufficiale) è un altro wallet hardware che nasce con lo scopo di fare da concorrente ai già affermati Ledger Nano S (sito ufficiale) e TREZOR (sito ufficiale), regalando opzioni sempre più ampie e interessanti, oltre che un design molto più interessante.

Il primo passo è quello di collegarlo al PC, e il dispositivo in automatico andrà a creare una coppia di chiavi (una pubblica e una privata), e per farlo va ad utilizzare i sistemi di generazione casuale contenuti che sono presenti al suo interno, andandoli però a combinare con quelli presenti all’interno del computer in cui si è collegata la chiavetta.

Un ulteriore garanzia di Keepkey (sito ufficiale) è quella della realizzazione di una frase composta da 12 parole, la quale deve essere segnata e conservata, in modo da poter recuperare l’accesso al nostro wallet in caso vi siano problemi di accesso nel modo tradizionale.

Inoltre, altro elemento a garanzia della sicurezza delle operazioni con di Keepkey (sito ufficiale), è quello di impostare un codice PIN, il quale dovrà essere sempre inserito a conferma delle operazioni che si andranno ad effettuare. A parole sembra complesso, ma alla fine è invece molto semplice e cosa non da poco, elevatamente sicuro.

Hype

Come sappiamo si tratta della carta di pagamento che è dotata di IBAN (sito ufficiale), grazie al quale si ha di fatto nelle mani un conto corrente a tutti gli effetti, ma che non è legato ad una banca fisica.

Per quanto riguarda il portafoglio criptovalute, Hype (sito ufficiale) permette di andare ad operare con i Bitcoin, potendo quindi comprare e vendere la moneta digitale attraverso il proprio conto.

La cosa molto importante che riguarda questo portafoglio, è che essendo legato al conto corrente (sito ufficiale Hype) non si dovrà utilizzare altri fondi esterni, ma si potrà operare direttamente con il proprio saldo depositato.

Per quanto riguarda l’importo della commissione non è fisso, ma dipende dal tasso di cambio al momento dell’acquisto dei Bitcoin. Nel caso quindi, si vadano a comprare 100 euro di Bitcoin, e la commissione in quel momento sia 1€, sul proprio portafoglio vedremo registrati 99€ in Bitcoin.

Revolut

Come nel caso di Hype (sito ufficiale), con Revolut (sito ufficiale) siamo di fronte ad un conto corrente che viaggia con IBAN su carta di pagamento, ma che per quanto riguarda le cryptovalute, ha un funzionamento un po’ diverso.

Per il momento non è stato reso possibile accedere ad un wallet personale, e quindi non è possibile gestire operazioni sul proprio portafoglio. Questo non impedisce però di trovare il modo di operare comunque con le criptovalute. Infatti, attraverso la carta e l’app annessa, è possibile fare transazioni in qualsiasi valuta diversa dalla moneta ufficiale, e anche trasferire importi di denaro ad altri utenti che hanno un conto corrente aperto su Revolut (sito ufficiale).

Per quanto riguarda i costi delle operazioni, sono applicati a seconda dell’importo richiesto, e varia a seconda del tipo valuta scelta.

Revolut (sito ufficiale) rimane un’ottima alternativa ai classici sistemi per investire nelle criptovalute, con il vantaggio di poter fare tutto tramite il proprio conto senza dover utilizzare piattaforme esterne.

Wirex

Per chi non conoscesse Wirex (sito ufficiale), diciamo che si tratta di una carta prepagata che di recente ha realizzato un servizio innovativo sulla propria piattaforma, il quale è legato alle transazioni in criptovaluta.

Wirex (sito ufficiale) non si è limitata solo a questo, ma il gruppo ha messo in atto anche un programma che premia tutti quegli acquisti che le persone fanno con le criptovalute (Cryptoback).

Grazie alla carta messa a disposizione dei propri clienti, sarà facile detenere e scambiare valute tradizionali e criptovalute. Per permettere un utilizzo completo, il gruppo non ha dato accesso ad un numero limitato di criptovalute, ma sono ben 19 le monete digitali alle quali si può attingere per fare scambi e transazioni attraverso la carta prepagata.

Oltre ovviamente ai classici Bitcoin, Ethereum e Litecoin, si potranno acquistare anche XRP, WXT, DAI, NANO e XLM.

Si evince dunque, che, oltre ad essere un servizio abbastanza innovativo, quello di Wirex (sito ufficiale), è anche uno di quelli che permette un ampio raggio di azione, potendo quindi puntare ad una diversificazione del proprio portafoglio crypto come accade per gli investimenti tradizionali.

Exodus

Con Exodus (sito ufficiale) siamo di fronte a qualcosa che gli esperti del settore definiscono come uno tra i più interessanti progetti legati alle operazioni multi-valuta, soprattutto per quanto riguarda la conservazione in assoluta sicurezza delle monete virtuali.

Exodus (sito ufficiale) è uno dei più interessanti progetti multi-valuta per la conservazione sicura delle monete virtuali. Sappiamo infatti che, la maggioranza di coloro che vanno a fare i propri acquisti di criptovaluta, tendono a conservare la stessa presso l’intermediario finanziario con il quale hanno fatto l’operazione.

Non diciamo che si tratti di un’operazione errata, ma essendo che le piattaforme di scambio, quelle che in termine tecnico si definiscono exchange, non sono esenti da potenziali rischi, avere un portafoglio personale su cui tenere le proprie monete è sicuramente un vantaggio enorme in fatto di salvaguardia del proprio patrimonio.

È proprio su questo mantenere le crypto che Exodus (sito ufficiale) ha fondato la propria politica finanziaria, ovvero offrire alla clientela finale una piattaforma sicura sulla quale detenere la propria moneta virtuale. Questo è ciò che rende popolare questo gruppo, oltre al fatto che gode di un’elevata reputazione tra gli investitori che operano con le criptovalute.

In conclusione

Scegliere il giusto metodo per conservare Bitcoin, Ethereum, Ripple, Litecoin e altre criptovalute nel 2021 è sicuramente un buon inizio, anche se in futuro si vorrà vendere per incassare i guadagni dell’investimento fatto.

Un altro modo di operare con le crypto è sicuramente tramite gli exchange e le piattaforme di trading online come eToro (sito ufficiale), che permette di investire senza commissioni e di copiare i traders più esperti.

Iscrizione ad eToro

Leave a Reply