Edizione di lunedì 17 Dicembre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Previsioni criptovalute: quali vendere e quali comprare?

Secondo Spencer Bogart, capitalist di venture blockchain, le criptovalute hanno ancora tanto da dire e il loro utilizzo come strumento di speculazione potrebbe ancora regalare grandi profitti.

Del resto avevamo visto le previsioni di Bitcoin in crescita già nelle prossime settimane. Certo, in questo momento il suo cambio con i dollari è di 7.242 a BTC, lontano dai giorni di gloria dello scorso dicembre in cui un token valeva oltre 19.000$.

Pur essendo sceso al di sotto dell’importante soglia degli 8.000$, Bitcoin, a detta di Bogart, avrà ancora un futuro roseo. Anzi, ha sottolineato, Bitcoin sta diventando così diffusa che i commercianti, soprattutto chi opera tramite e-store, dovrebbe correre all’acquisto.

Discorso differente per le Altcoin, che secondo Bogart sono “eccessivamente promettenti e insufficienti. Nel frattempo ne avete alcune che eccellono nei loro casi d’uso, il Bitcoin è uno di questi”.

Il consiglio è dunque un sell in particolar modo su Cardano, Tron, Iota e Neo, che risulterebbero sopravvalutati.

Dall’altro lato però non dobbiamo sottovalutare le caratteristiche di questi astri nascenti. Tron, di cui abbiamo parlato diffusamente qui, si pone l’obiettivo di colmare le carenze di Ethereum, e per questo potrebbe avere una strada di successo.

Investire in Ethereum e Ripple conviene ancora?

Un rating neutral investe invece altre crypto come bitcoin cash e EOS, e Bogart ha in questo caso suggerito di mantenerle nel proprio digital wallet.

Due parole in più vanno dette su due altre due illustri valute virtuali presenti in questa categoria, ossia Ethereum e Ripple.

La seconda crypto per capitalizzazione di mercato è di certo una realtà solida, ma potrebbe avere dei problemi a seguito delle frequenti ICO-truffe. La maggior parte delle ICO poggiano infatti su piattaforma Ethereum, e non sono rari i casi di frodi. Ricordi il caso Confido? Ecco, se queste offerte iniziali attirano diffidenza, c’è il caso che il sentiment negativo si ripercuota su tutta la crypto-madre.

Per quanto riguarda le previsioni Ripple per il 2018, occorre fare un distinguo di tempi. A breve termine la crypto potrebbe ancora scendere e scambiare al ribasso, ma a lungo termine, ad esempio tra un anno, è verosimile che il suo prezzo sarà ben più alto di quello odierno.