Edizione di martedì 14 agosto 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Prezzo Bitcoin in ribasso, cosa succederà?

Nella giornata di ieri, Bitcoin è sceso sotto la soglia dei 7.000$; al momento della scrittura il suo prezzo è di 6.984,86$. Un tonfo clamoroso, basti pensare che solo nell’ultima settimana ha perso oltre il 20%, mentre nell’ultimo mese segna un negativo del 31% circa.

A pesare su questi risultati, che peraltro trascinano anche la maggior parte delle Altcoin, è certamente la morsa delle banche che abbiamo visto qualche tempo fa, ma non solo.

Bitcoin è stato infatti messo alla porta da molti social, e vista la discesa di prezzo così clamorosa sembra lampante quanto peso abbiano le community nel mondo della finanza. Facebook, Twitter, Google hanno già comunicato in via ufficiale un ban sulle pubblicità che hanno come oggetto le crypto in generale e le ICO. Ma la notizia che ha avuto l’effetto della goccia che fa traboccare il vaso viene da Reddit.

La piattaforma di social news e intrattenimento ha infatti bloccato i pagamenti in BTC, precedentemente accettati per sottoscrivere il programma gold del sito. Si tratterebbe di un veto sospensivo temporaneo, dal momento che l’amministratore ha dichiarato che, se molti utenti lo richiederanno, i pagamenti con i token virtuali potrebbero tornare ad essere accettati.

Previsioni Bitcoin aprile 2018: svolta rialzista?

Sondando il terreno tra le opinioni di analisti, tecnici ed esperti delle criptovalute, aprile sembra profilarsi come un mese cruciale. In particolare aprile potrebbe vedere, a detta di alcuni, un rialzo di Bitcoin capace di trascinare le altre monete virtuali. Si tratterebbe di una svolta lenta ma continua e progressiva capace di infondere rinnovata fiducia nei trader, con la conseguente crescita del comparto.

Dall’altro lato ci sono anche i sostenitori della tendenza opposta, dal momento che proprio il prossimo mese gli investitori statunitensi potrebbero vendere in massa i loro token. Motivo di questa teoria sta nel bisogno di liquidità contingente al pagamento del capital gain negli USA.

Una terza posizione è quella mediana. Ad aprile potremmo assistere ad un consolidamento dei prezzi attuali, con una notevole riduzione della volatilità che da sempre ha caratterizzato le criptovalute. In questa prospettiva ci sarebbe il grosso vantaggio di un assestamento dei parametri di quotazione con conseguente stabilità del mercato.