Edizione di domenica 19 Maggio 2019 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Bollo auto 2019: che novità ci sono

Bollo auto 2019: che novità ci sono

Con il 2019 il dicastero dell’Ambiente sta valutando di introdurre importanti novità per il bollo; cambieranno infatti le modalità di calcolo e il costo.

Non si tratta ancora di una legge, ma il Governo sembra andare nella direzione di una maggiore attenzione al problema dell’inquinamento; abbiamo visto ieri gli incentivi per le auto elettriche, ad esempio.

Cosa potrebbe cambiare? La proposta prevede un pagamento con un sistema bonus/malus analogo a quello vigente per le assicurazioni. In sostanza, se la riforma dovesse prendere piede, verrebbero premiati gli automobilisti con vetture che emettono basse concentrazioni di CO2, e “puniti” con somme più alte quelle che invece risultano molto inquinanti.

Questo modello verrebbe però a costituire solo una quota del bollo. Un’altra parte verrebbe invece calcolata sui chilometri percorsi. Più guidi, più paghi, come vorrebbe la proposta UE del bollo unico europeo. Se le considerazioni precedenti possono essere largamente condivise per ragioni ecologiche, e anche alla luce dell’ecobonus di cui abbiamo parlato, questa seconda fetta del bollo desta non poche perplessità. Ad esempio, pagherebbe di più semplicemente chi abita in periferia o comunque lontano dal luogo di lavoro.

Concludendo, in realtà nessuna modifica ad oggi del bollo così come lo conosciamo, ma è possibile ci siano dei cambiamenti in corso d’opera. In realtà il bollo era nel novero delle tasse da abolire nel più generale quadro della pace fiscale, ma così non è stato; l’imposta continua ad esistere e fino a questo momento è immutata.

Agevolazioni bollo 2019: le proposte regionali

Se lo Stato non è intervenuto in materia di bollo, ci stanno pensando diverse amministrazioni regionali.

Anche le Regioni, infatti, hanno messo a disposizione fondi per incentivare l’acquisti di veicoli elettrici e ibridi, e a ciò si accompagna un’esenzione dal pagamento del bollo auto per 3 o 5 anni. Suggeriamo quindi di allargare lo sguardo anche alle Regioni, potrebbe esser più conveniente che usufruire dei bonus statali.

In Molise, addirittura, vige una proposta volta ad abolire il bollo per tutti coloro con reddito inferiore a 25mila euro annui.

Insomma, nonostante l’anno sia già iniziato ancora nessuna novità concreta; tuttavia c’è molta carne al fuoco, e ci riserviamo di avvisare tempestivamente qualora le proposte dovessero diventare attuative.