Edizione di domenica 18 novembre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

ATFund,il mercato dei fondi quotati: ecco come funziona

Il primo ottobre è stato reso attivo su Borsa Italiana ATFund, il mercato dedicato alla negoziazione dei fondi aperti UCITS (Undertakings for Collective Investment in Transferable Securities).

Si tratta di uno strumento di gestione del risparmio caratterizzato da liquidità, trasparenza, sicurezza degli asset e risk management. Primo e unico caso in Italia, che potrebbe rivoluzionare il mondo degli investimenti tanto per il retail che per l’istituzionale. In sostanza, è l’ MTF (Multilateral Trading Facility) di Borsa Italiana che è andato a sostituire il precedente segmento dedicato su ETF Plus, che ad oggi conta 125 fondi di 33 case di gestione.

ATFund può vantare una microstruttura particolarmente efficiente; le negoziazioni avvengono con la modalità d’asta, il cui prezzo corrisponde al NAV del giorno. Obbligatoria la presenza di un operatore che si fa carico della compravendita delle quote non assorbite dagli intermediari.

ATFund conviene? Pro e contro

Secondo Marco Rosati, AD di Zenit, ATFund “crea spazi nuovi per le Sgr indipendenti. Ma c’è ancora da lavorare per rendere questo mercato interessante per gli istituzionali e accessibile per il retail”. Servirebbe che banche e intermediari, in concerto, abbassassero i costi per la partecipazione, così da rendere lo strumento più “appetibile” per i piccoli risparmiatori.

Nel nuovo mercato dei fondi aperti troviamo anche Pharus Sicav con ben 18 fondi. Il presidente Davide Pasquali è però in parte d’accordo con Rosati circa la poca “seduzione” che questa novità possa avere per il grande pubblico. Non già per i contenuti, e del resto Pharus ha inserito fondi semplici e comprensibili anche per gli investitori “fai da te”. Piuttosto si tratta di allargare la rete di distribuzione, abbassando la troppa burocrazia a monte del’acquisto.

Qualche punto da migliorare soprattutto per il pubblico retail, certamente, ma nonostante ciò ATFund si configura come un’ottima opportunità per il mercato. Un’offerta ampia anche per i risparmiatori privati interessati ai fondi (abbiamo esaminato qui i vantaggi) e che ha buone prospettive per crescere in futuro; ATFund può essere una buona soluzione per la diversificazione del rischio e l’allocazione anche di modeste somme di denaro. Non si sottovaluti, infine, che il mercato dei fondi quotati la garantisce certezza della liquidazione in tre giorni e l’accesso al trading tramite il broker abituale.