Edizione di martedì 14 agosto 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Migliori Investimenti 2018: dove conviene puntare

Siamo quasi al 2018 ed è tempo, oltre che di bilanci, di buoni propositi: analisti ed esperti hanno già stilato qualche preziosa previsione per tutti i trader che vogliono arrivare all’anno nuovo con le idee chiare e utili spunti per i loro investimenti. Abbiamo già parlato delle strategie forex da seguire, quindi vediamo adesso come muoversi in Borsa.

In un’intervista alla CNBC, JJ Kinahan, chief market strategist e managing director di TD Ameritrade, ha esplicitato come “l’incredibile rally” di alcuni settori sia destinato fisiologicamente non solo a rallentare, ma anche a decrescere. Il consiglio è quindi, per segmenti come quello della tecnologia, ritirare parte del proprio capitale e rivolgersi ad altri comparti, come ad esempio quello energetico.

A supportare questa tesi è anche Jim Paulsen, chief investment strategist di Leuthold Group, secondo cui i titoli energetici sono stati sottovalutati per tutto il 2017, e per questa ragione un trading vantaggioso vedrebbe il lo spostamento dei propri investimenti dai vincitori ai vinti.

Migliori investimenti 2018

Azioni del settore bancario

L’analisi di Barclays vede di buon occhio il comparto bancario; le cinque migliori scelte, stando alla banca britannica, sarebbero Banco Sabadell, Danske Bank, DNB, Lloyds Banking Group e Nordea.

Apri un conto di trading con Plus500

Investire nel settore salute: opportunità nel mercato USA

Come accennato, gli analisti prospettano un 2018 tendenzialmente recessivo dopo questa fase di espansione positiva.

In questo contesto di late-cycle è vantaggioso allora puntare nel settore dell’health care, che tradizionalmente non segue le logiche del ciclo economico; va da sé che prodotti e servizi legati alla salute siano indispensabili a prescindere dal momento storico-finanziario.

Per questa ragione, e anche in vista dei movimenti politici rispetto all’abolizione dell’Obamacare, il segmento della salute made in USA potrebbe rivelare piacevoli sorprese.

Altro vantaggio dell’health care è la possibilità di diversificare i propri investimenti. Non smettiamo mai di scrivere quanto sia importante avere un portafogli che includa più titoli al fine di ridurre i rischi e ottimizzare i guadagni, e il segmento salute è in effetti composto da ben 62 componenti.

Tra i maggiori comparti su cui si può puntare segnaliamo quello dell’industria farmaceutica e soprattutto il biotecnologico, che potrebbero portare a consistenti rendimenti.

Il settore del biotech: forte crescita in vista

Le biotecnologie sono una delle grandi novità per  il 2018, ed il settore è attualmente in forte crescita. Investire oggi in biotech è una scelta che dovrebbe fare solo chi è esperto e chi ha una certa solidità alle spalle, considerando che i rischi sono ancora elevati (come in tutti i settori che sono in fase di crescita e stabilizzazione).

Tuttavia, le opportunità di trading ed investimento sono già disponibili, e se si ha la convinzione che questa industria possa continuare a prosperare, allora può essere una buona idea essere uno dei primi. Broker come Plus500 mettono a disposizione tutti gli strumenti del caso.