Edizione di lunedì 17 Dicembre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Investire in certificates: cosa sono e come funzionano

I certificates sono titoli derivati emessi dagli istituti bancari; hanno quindi un sottostante di cui seguono il rendimento.

Si tratta di una soluzione adatta praticamente a tutti perché sono disponibili moltissime opzioni di rischio/rendimento. Sono negoziabili sul SeDeX (il segmento di Borsa Italiana dedicato ai Securities Derivatives) e sul Cert-X di EuroTLX.

I certificates possono essere divisi in tre grandi categorie. I più semplici (apparentemente) sono anche i più rischiosi, ossia i certificates a capitale non protetto. In questo caso si guadagna solo se l’asset sottostante registra performance positive, e in caso contrario potrebbe persino essere eroso l’investimento di partenza.

All’opposto troviamo i certificates a capitale protetto; l’investitore può scegliere se puntare al rialzo o al ribasso (un po’ come succede con i CFD nel trading online), e a seconda del tipo di contratto gli introiti possono dipendere o dalla variazione di prezzo o dal raggiungimento di una soglia precedentemente stabilita. In tutti i casi il denaro che abbiamo investito è al sicuro da ogni rischio di perdita.

Esiste infine una via di mezzo, quella dei cosiddetti certificates a capitale condizionatamente protetto. Ciò significa che la quota iniziale non viene intaccata in caso di previsione sbagliata solo se entro certi limiti (si parla tecnicamente di barriera).

Naturalmente è questa una panoramica molto generale, perché all’interno di ogni categoria esistono dei segmenti diversi; i certificati si configurano infatti come uno degli strumenti finanziari più facilmente costruibili sulle esigenze del cliente.

Conviene investire in certificates?

L’Associazione Italiana Certificati e Prodotti di Investimento (ACEPI) ha recentemente rilevato come i certificates stiano crescendo in popolarità. Ciò è dovuto ai diversi vantaggi che questi strumenti offrono; si pensi alla già citata duttilità insita nella natura dei certificati, che consente sia allo speculatore che al piccolo risparmiatore di accedervi e diversificare i suoi movimenti finanziari.

Molto importante anche il fatto che diversi certificates offrono la possibilità di ottenere il pagamento di cedole, persino in momenti avversi, così da proteggere il proprio denaro anche quando i mercati sono in sofferenza.

Infine, i certificates sono facilmente negoziabili anche da chi non ha grossi capitali da investire, e può così accedere ad asset da cui sarebbe altrimenti escluso.