Edizione di giovedì 24 maggio 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Investire nel grano: previsioni e trading

Quando si parla di commodity, la prima cosa che viene in mente sono i metalli preziosi. Ancor di più in questi giorni che stanno vedendo l’oro in rialzo, ma in realtà la categoria comprende anche beni alimentari, in genere sottovalutati dagli investitori novizi.

Risorse come il cacao, l’olio o i futures e trading sullo zucchero possono però essere fonte di buoni profitti non meno che i più tradizionali petrolio o gas naturale.

Vedremo ora qualche suggerimento riguardo gli investimenti in grano, materia prima importantissima. Uno dei punti di forza è il suo largo impiego; non solo per il settore alimentare, ma anche per gli ambiti dei biocarburanti e, in generale, industriale. Si consideri infatti che l’utilizzo per i derivati alimentari costituisce solo la metà del totale.

CFD e Futures sul grano

Il trading online sul grano adotta due principali strumenti: i CFD e i Futures.

Con i CFD, come sappiamo, agiamo tramite uno strumento derivato che replica l’andamento del sottostante, nel nostro caso il grano. Non è necessario portare il prodotto a scadenza; si potrà aprire, prima del termine, una posizione al rialzo o al ribasso.

In effetti questa commodity è caratterizzata da una particolare volatilità che può fornire fruttuose chance per strategie long o short a breve termine. Dall’altro lato, ben si presta ad un trading orientato al lungo periodo, e in questo caso va considerato che, secondo gli analisti, il trend è rialzista.

Indicatori da seguire per il trading in grano

Certamente ogni trading che si rispetti non possiamo prescindere dall’analisi tecnica, soprattutto nella sua parte dedicata al rapporto tra domanda e offerta. Se l’offerta eccede, come sappiamo, dobbiamo aspettarci un calo dei prezzi e aprire quindi posizioni short.

Altri dati su cui occorre aggiornarsi per un trading redditizio riguardano le condizioni climatiche dei Paesi produttori (quindi India, Cina, USA e Russia), poiché influiscono direttamente sul raccolto. Si tengano inoltre presenti le relative politiche di import-export.

Infine, ricordiamo che se si investe non tramite Futures o CFD ma acquistando azioni di società legate al grano, occorre tenere presenti anche le politiche, il fatturato e le partnership dell’azienda.