Edizione di venerdì 20 luglio 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Previsioni Petrolio Secondo Semestre 2018: 85$ dollari al barile secondo Morgan Stanley

Previsioni Petrolio
Previsioni Petrolio

Morgan Stanley alza le previsioni petrolio a 85$ dopo che Trump punta ad applicazione delle sanzioni sull’Iran, che potrebbero influenzare negativamente le esportazioni del paese del Medio Oriente e dopo che sia la Libia che l’Angola hanno diminuito la produzione.

Secondo la banca d’affari americana, l’incremento di produzione da parte di Arabia Saudita, Russia, Emirati Arabi Uniti e Kuwait non sarà sufficiente a bilanciare il mercato.

Come risultato di questo previsto squilibrio, la quotazione del greggio potrebbe salire fino a 85$ al barile nella seconda metà del 2018, un incremento di circa 7,5$ al barile rispetto alla quotazione attuale.

Al momento il Brent è scambiato a circa 78$ al barile, appena sotto il massimo di tre anni e mezzo toccato lo scorso maggio (che era di 80,5$ al barile).

Morgan Stanley ha anche detto che la produzione di petrolio iraniano dovrebbe iniziare a diminuire già a novembre, alla fine del periodo di 180 giorni stabilito dall’amministrazione Trump prima di applicare sanzioni contro il paese. Sempre secondo le previsioni della banca statunitense, le esportazioni del greggio dell’Iran si rivolgeranno principalmente all’Europa, al Giappone e alla Corea del Sud, ma comunque si pensa che la vendita di greggio cadrà ai minimi livelli.

Ci sono pertanto rischi per l’economia iraniana, che si basa prevalentemente sull’oro nero, e sul prezzo del petrolio stesso.

Al contrario, Arabia Saudita, Russia, Emirati Arabi e Kuwait dovrebbero aumentare la produzione e le esportazioni di petrolio, cosa che tuttavia non dovrebbe riuscire a mantenere stabili le quotazioni del greggio.

Come investire nel petrolio in vista di questa notizia?

Le previsioni sono chiare, pertanto potrebbe essere una buona idea acquistare oggi CFD sul petrolio da mantenere nel medio / lungo periodo, fino a che non ci saranno indicazioni migliori da parte del mercato, tali da permetterci di capire se effettivamente il prezzo salirà o meno.