Edizione di venerdì 21 settembre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Prezzo oro a giugno potrebbe cadere, ecco le previsioni

Abbiamo visto appena poche settimane fa come l’oro stesse vivendo un momentum rialzista, seppur senza i grossi rally che forse gli investitori si attendevano. Non è passato molto che già il metallo prezioso sembra preda di un’inversione di tendenza, tanto che si parla di sforamento della base minima di prezzo. Al momento della scrittura l’oro è venduto a 1296.54$ l’oncia.

La rottura della resistenza psicologica dei 1,300$ potrebbe causare ulteriori scivoloni del metallo giallo. Secondo Louise Yamada, amministratore delegato di Louise Yamada Technical Research Advisors, osservando i dati oggettivi dei prezzi scesi al di sotto delle medie mobili di 50 giorni e 200 giorni. Non è difficile intravedere segnali ribassisti.

In effetti ogni passo in avanti dell’oro sembra essere stato fine a se stesso. A ben guardare lo storico, è dal 2016 che i rally hanno fallito la resistenza intorno a $ 1,365. Certo, si tratta pur sempre di rialzo, ma in termini assoluti la parola va posta tra molte virgolette e, soprattutto, merita una una strategia di trading di tutto peculiare.

Apri un conto demo gratuito per fare trading con Binck Bank

Trading sull’oro: come investire?

Come ha puntualmente ricordato Yamada, “quando le azioni sono in un mercato rialzista, l’oro ha sottoperformance, e quando le azioni sono in un mercato ribassista, l’oro tende a sovraperformare”. Prima cosa da fare prima di fare trading è dunque quella di sondare il mercato azionario.

Se sei solito investire in oro, anzitutto non possiamo che consigliarti i CFD, così da potere investire sia al rialzo che al ribasso. Dalle premesse sin qui snocciolate, sembra profetica l’osservazione di Joe Foster, Gold Strategist e Portfolio Manager di VanEck: “attualmente la tendenza base si attesta all’incirca su 1,285$ l’oncia”.

Giugno è un mese particolarmente cruciale per l’oro; siamo in proncinto di due incontri importanti in fatto di politica monetaria, sia per la FED che per la BCE. Secondo Foster la base sopra indicata potrebbe essere avvicinata proprio durante questo mese, dunque l’indicazione è quella di una strategia short.

Attenzione: l’oro ha ultimamente mostrato una grande resilienza. Basti pensare alle recenti tensioni commerciali e ai picchi di inflazione, e diventa difficile pensare possa davvero sforare sotto i 1,285$:

Da luglio potrebbe verosimilmente “tornare a muoversi in direzione della sua recente soglia massima di 1,365$“.