Edizione di mercoledì 16 Gennaio 2019 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Prezzo oro in aumento: rifugio degli investitori?

Il 2018 dell’oro è stato molto difficile da analizzare, fatto ben strano per una materia prima con un valore intrinseco. Dopo un inizio in rialzo, la seconda parte dell’anno è stata deludente (avevamo parlato qui dei ribassi e delle cause).

Il 2019 è iniziato invece in maniera scoppiettante: la commodity si trova ora a 1.379$ per oncia. Già lo scorso dicembre avevamo avuto segnali di questo rimbalzo, con gli investitori che, in maniera forse non del tutto inaspettata, si sono nuovamente buttati sul metallo prezioso. C’è già chi parla di ritorno ad una concezione dell’oro come bene rifugio, un utilizzo che lo scorso anno si stava perdendo.

L’oro ha collezionato ben cinque sedute all’insegna del rialzo, raggiungendo una vetta che non si vedeva da giugno 2017.

Ma perché gli investitori hanno bisogno, ora, di un porto sicuro? La risposta è piuttosto semplice; da un lato il rallentamento dell’economia globale, con allegate le tensioni internazionali su più fronti, dall’altro il lieve calo del dollaro e l’instabilità delle Borse. Insomma, ci sono tutte le componenti per aspettarsi un prosieguo di questa fase rialzista.

Previsioni oro 2019: fin dove si spingerà la quotazione?

Quando detto prima è opinione diffusa tra gli analisti.
Jasper Lawler, del London Capital Group, ha dichiarato che “l’oro si sta muovendo attorno ai massimi di sei mesi sostenuto dalla prospettiva di un minor numero di aumenti dei tassi da parte della Fed, da un dollaro più debole, dalle preoccupazioni per il rallentamento della crescita globale economica e dalle oscillazioni selvagge nel mercato azionario”.

Va inoltre sottolineato il ruolo delle Banche Centrali; nell’ultimo trimestre del 2018, infatti, sono state aumentate le riserve auree, con un incremento del 22% rispetto al 2017.

A sostegno della visione rialzista c’è anche l’analisi dell’atteggiamento internazionale degli USA; non solo verso la Cina e l’Iran, ma più in generale una progressiva chiusura della federazione statunitense alimenterà ulteriore incertezza dei mercati, fungendo da supporto per l’oro e altri asset tradizionalmente considerati sicuri e di protezione per il capitale.

Nonostante le dichiarazioni del Presidente Trump circa la possibilità di una ripresa dallo shutdown, gli investitori appaiono perplessi, per lo meno a breve termine.

Trovi qui ulteriori previsioni sull’oro nel 2019.