Edizione di giovedì 24 maggio 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Prezzo oro in salita: trend stabile?

È passato poco più di un mese dal record dell’oro in ribasso, ma il metallo giallo pare essersi ripreso in piena regola: nel momento in cui si scrive viene scambiato a 1.340$ l’oncia. Il rally piuttosto costante delle ultime settimane potrebbe far sfondare alla commodity il muro di 1.357$ e addirittura raggiungere i 1.375$ di luglio 2016.

Periodo aureo, è il caso di dire, soprattutto per la convergenza di due fattori. Il primo riguarda la debolezza del dollaro, che come sappiamo bene è in rapporto inversamente proporzionale con le materie prime. La moneta degli USA continua infatti a perdere terreno nei confronti delle altre valute, soprattutto euro e sterlina. Le  conseguenze sono ben visibili negli odierni prezzi anche del petrolio, a oltre 64$ al barile.

Altra causa dell’apprezzamento del metallo è da ricercarsi nella tendenza da parte degli investitori a tornare ai  beni rifugio in periodi di trading molto rischiosi e poco remunerativi. In questo frangente in particolare la corsa al Bitcoin ha subìto un brusco rallentamento; la criptovaluta è bloccata su valori attorno ai 13.500$, e gli investitori stanno diversificando i propri fondi.

Comprare oro: conviene adesso?

Come accennato all’inizio, diversi analisti guardano con ottimismo questo rilancio dell’oro, sino a ipotizzare uno scenario di prezzo a 1.375$. L’andamento positivo non sarebbe dunque momentaneo, e diversi esperti segnalano questo come l’inizio di una risalita destinata a perdurare.

Autorevoli banche hanno dato le loro previsioni oro 2018, qualcuna già smentita da questo nuovo rally. Trattandosi di un bene rifugio è chiaro che non siamo di fronte ad investimenti a scopo speculativo, ma la situazione geopolitica internazionale e il deprezzamento del dollaro (verosimilmente destinato a proseguire) potrebbero mantenere il metallo giallo su questo trend.

In tale contesto si può ipotizzare un andamento delle materie prime ancora in fase rialzista sul lungo periodo. Una buona strategia sarebbe quella, oltre che di acquistare fisicamente l’oro, di investire tramite i CFD tenendosi su posizioni long.

Ricordiamo che questi non sono suggerimenti di investimenti ma eventualità supposte sull’analisi dei dati; la situazione rimane aperta e non sono da escludersi cambi di direzione. In caso di collocamento di capitali sarebbe dunque opportuno inserire stop loss per tutelare i propri risparmi da rapide battute d’arresto.