Edizione di giovedì 13 Dic 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Quotazione oro: che prezzo raggiungerà alla fine del 2018?

Un 2018 faticoso per l’oro, e ancor di più per gli analisti che più di una volta hanno dato previsioni discordanti e confuse. Anche adesso, che siamo alla fine dell’anno, non sembra esserci un indirizzo univoco, complici i fattori macro che hanno reso gli ultimi mesi tempestosi per le commodity.

In effetti già nel 2017 si sono alternati molti eventi capaci di incidere sulla finanza in generale e sulle materie prime rifugio in particolare. Lo stesso insediamento di Trump e le minacce della Corea del Nord, per fare giusto due esempi. Le banche centrali hanno intrapreso la strada del rialzo dei tassi, con non poche implicazioni anche per l’oro.

L’anno in corso non è stato migliore, tra le tensioni commerciali USA-Cina, nuove incertezze economiche e politiche (pure da noi in Italia) non hanno dato tregue al metallo prezioso.

La soglia determinante per l’oro sembra essere quella dei 1.200$ l’oncia. Se avevamo visto il rally di agosto superare questo livello, ieri è scivolato al di sotto. Al momento della scrittura siamo proprio al limite, per l’esattezza a 1.202$.

Previsioni oro 2018: il parere degli esperti

Gli analisti di Citi vedono il prezzo dell’oro nettamente in trend rialzista per lo meno fino al 2020. Causa di ciò sarebbero i rischi geopolitici tutt’altro che in attenuamento. Anzi, le tensioni internazionali potrebbero diventare la norma, richiamando  gli investitori verso i tradizionali beni rifugio. Il 2018 dovrebbe chiudersi con un prezzo di 1.355$, mentre entro il prossimo biennio potremmo arrivare addirittura a 1.400$.

Più pessimista invece la visione di Capital Economics, che in realtà nel corso degli ultimi mesi ha “dato i numeri”, cambiando più e più volte analisi. Secondo l’ultima nota, a dicembre l’oro dovrebbe costare non più di 1.200$ l’oncia.

Numeri ancora più forti vengono da Charles Gibson di Edison Investment Research, per cui tutto dipenderà dalla FED. Se infatti la FED dovesse riuscire a risanare i suoi conti, il costo del giallo metallo potrebbe crollare sino ai 1.010$. Al contrario, potremmo avere già una quota 1.400$ entro i prossimi tre mesi. Gibson ha infatti dichiarato che “Ciò che condiziona il prezzo dell’oro è la disponibilità di dollari USA“.

Calcolando una media, secondo la maggior parte degli analisti il 2018 dovrebbe terminare con un prezzo compreso tra 1.300$ e 1.350$.