Edizione di venerdì 16 novembre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Azioni FCA: rallentamento dopo Agosto

©Mauro Scrobogna /LaPresse 05-07-2007 Torino Economia Presentazione FIAT 500 Nella foto: Sergio Marchionnne AD FIAT New FIAT 500 presentation show

Avvio di seduta negativo per Fiat Chrysler Automobile: il ribasso nella giornata di oggi è di circa l’1,35%.

La flessione si deve alle affermazioni del Ceo di FCA. Sergio Marchionne ha infatti dichiarato sabato che non sono previste grandi fusioni o accordi con il big cinese Great Wall, come si era vociferato lo scorso mese. Rumors che ad agosto avevano fatto volare i titoli a +30%. Il numero uno di FCA ha inoltre confermato lo scorporamento delle attività di componentistica, mentre ha esibito dubbi sulla separazione di Alfa Romeo e Maserati.

Altro fattore negativo rimane lo scenario internazionale. Kim Jong-Un ha ancora una volta creato tensioni con dichiarazioni sui test della bomba H. Ciò ha determinato la prevedibile corsa degli investitori su asset sicuri: oro, yen, franco svizzero e titoli governativi.

In questo scenario, conviene approfittare del ribasso e puntare su un rialzo nel breve termine o il felice momento di FCA in Borsa è del tutto terminato?

Investire in FCA Ipotizzando un balzo in avanti, il momento per l’ingresso è propizio

La sessione di trading odierna vede un primo target a 14,1 e un secondo a 14,6.

Secondo le analisi di Unicredit si tratta di una buona possibilità, qualora questo stop fosse un incidente di percorso temporaneo, peraltro fisiologico nella prospettiva dei fatti sopracitati.

Il pivot è a 12,1 e lo scambio a 13,17. Sempre attenendoci al team di Unicredit, la tendenza sarebbe positiva. Al momento il prezzo per azione è di 13,19€, e se si mantiene al di sopra dei 12,1 la quotazione potrà effettivamente essere ascritta ad un contesto rialzista.

Di contro occorre però sottolineare l’indicatore RSI, che è sopra quota 70. Ciò conferma ribassi nel breve termine, che potrebbero essere causati sia da un ipercomprato che, nella congettura peggiore, da una fine del positivo trend estivo.

In entrambi i casi le quotazioni di agosto sono destinate ad una correzione, e i dati di oggi lo confermano. Il freno definitivo al galoppo di FCA trascinerebbe le azioni a 10,8: occorre quindi valutare con attenzione rischi e opportunità di guadagno, elementi che probabilmente saranno più chiari nei prossimi due giorni.