Edizione di domenica 18 novembre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Azioni su cui conviene investire: ecco i suggerimenti degli esperti

La Sohn Investment Conference di New York ha ha visto tra le protagoniste le scelte dei gestori di hedge fund che muovono i mercati. In particolare, l’apertura di lunedì ha visto come primo tema il Next Wave Sohn, ossia gli indici emergenti che promettono buoni guadagni nel prossimo futuro.

Un primo titolo da tenere sott’occhio è quello di Takeaway.com (AMS: TKWY – Amsterdam), società leader in Europa che si occupa, come si intuisce dal nome, di consegna di cibo a domicilio. In effetti servizi di questo genere, che consentono di ordinare la cena comodamente da qualunque device, costituiscono un settore in forte espansione.

Spostandoci di continente, altra stella nascente è BRAC Bank, cioè la banca del Bangladesh. Si tratta di puntare su un Paese notoriamente in difficoltà economica, dunque? No, tutt’altro: il Bangladesh ha visto la sua economia incrementare del 6% ca. annuo nel corso degli ultimi 10 anni, e ben il 73% della popolazione è under 40. Solo il 31% della popolazione possiede un conto corrente, e la co-presenza di questi fattori fa ben capire quanto BRAC possa esponenzialmente crescere.

Abbiamo già parlato del mercato azionario europeo nel 2018, entro cui si aprono interessanti occasioni per il trading; ci focalizziamo ora sulla danese Ascendis Pharma, egregia rappresentante del potenziamento dei comparti biotech e biofarmaceutico.

Titolo Ascendis Pharma: quali opportunità?

Oleg Nodelman, di EcoR1 Capital, ha posto all’attenzione le quotazioni di Ascendis Pharma, società che si occupa di ricerca e sviluppo farmacologico soprattutto nel settore dell’endocrinologia.

Nodelman ha dichiarato che entro due anni le azioni di Ascendis Pharma daranno il massimo delle loro potenzialità, e che ciò farà raddoppiare la sua attuale capitalizzazione di mercato. Questo incremento vertiginoso sarebbe dato dai risultati di un farmaco in grado di contrastare il deficit di ormone della crescita (GHD). Al momento il progetto è nella fase 3 di studio clinico, cioè come terapia settimanale per i bambini con questa patologia. La società è già avanti e pensa anche ad un auto-iniettore per facilitare la somministrazione.

I riscontri di questa fase avanzata si avranno durante il primo trimestre del 2019, e Nodelman ha fissato un ambizioso target price a 289$; ciò equivale ad un +350% rispetto agli attuali costi delle azioni.