Edizione di mercoledì 17 ottobre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Azioni Tesla in forte ribasso: è il momento di vendere?

Le azioni Tesla stanno deludendo le aspettative degli investitori. Dopo una prima fase di rialzo in pre-mercato a seguito dei raggiunti obiettivi di produzione, il titolo ha iniziato la sua inesorabile discesa a Wall Street; al momento della scrittura siamo al -7,23% rispetto alla chiusura di ieri.

Elon Musk ha indubbiamente centrato di produrre 5.000 auto elettriche Tesla Model 3s in una settimana. Tuttavia, l’analista CFRA Research Efraim Levy subito dopo l’annuncio trionfante di Musk ha dichiarato che “C’era un prezzo che hanno pagato per raggiungere quei numeri, ma non penso che sia sufficiente a spostare l’ago in termini di presunti bisogni di capitale”.

CFRA Research, insomma, non crede che Tesla possa mantenere questi ritmi di produzione, né dal punto di vista operativo né da quello finanziario. Anche dovesse riuscirci, si tratta di numeri che non riuscirebbero ad impressione Wall Street, dove ci si attendeva un secondo trimestre da 51.000 vetture, a fronte delle 40.740 che Tesla ha all’attivo.

Apri un conto demo gratuito per fare trading con Binck Bank

Diverse aziende sembrano essere sempre più scettiche riguardo il futuro di Tesla, tanto per quanto concerne le finanze a disposizione della società quanto per l’effettiva consistenza della domanda.

Investire in azioni Tesla: vendere o comprare?

Da inizio anno le azioni della società sono aumentate del 10%. Ciononostante Levy ha ribadito il suo obiettivo di prezzo di $ 300 a 12 mesi per le azioni Tesla, che significa un’ipotesi di ulteriori ribassi.

Anche Goldman Sachs ha ribadito il suggerimento sell; secondo la banca d’affari le realizzazioni di Tesla sarebbero ben al di sotto delle stime precedentemente effettuate. Inoltre, le riserve del Modello 3 sono scese a 420.000 da 455.000 l’anno scorso. Il target price è stato stabilito a 195 $ a sei mesi, rappresentando il 42% in ribasso alla chiusura di lunedì.

Fa eco a queste previsioni il prezzo obiettivo di Ryan Brinkman, analista di JP Morgan: si scende a 180$ “Considerando la tendenza generale più morbida alle consegne e il read-across implicito negativo ai guadagni e al flusso di cassa del 2Q, prevediamo una reazione negativa”.

Non solo rating neutrale/ad alto rischio/sell. C’è anche chi, come Nomura Instinet, confida nel riposizionamento positivo dell’azienda in termini di credibilità e redditività. La volatilità a breve termine potrebbe allora essere un’occasione per comprare a prezzi vantaggiosi e accumulare quote.