Edizione di mercoledì 20 Marzo 2019 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Investire nei mercati emergenti: previsioni 2019

Investire nei mercati emergenti: previsioni 2019

Il 2018 è stato un anno faticoso sia a livello di asset che a livello di mercati; in particolare i Paesi emergenti hanno visto una spaccatura tra le buone previsioni di crescita e investimento in loco, e dall’altro lato una crisi sempre più nera che ha colpito, ricorderai, quasi tutte le economie di recente industrializzazione.

Complice del momento critico sarebbe soprattutto la Federal Reserve, le cui pressioni hanno avuto ricadute anche sui mercati emergenti. Basti pensare che nel corso dell’anno i tassi di interesse sono stati rialzati ben quattro volte! Adesso però l’atteggiamento della Fed sembra essere cambiato e tendente al dovish, motivo per cui il 2019 potrebbe portare mutamenti positivi a queste Nazioni.

A questo proposito Michael Hasenstab di Franklin Templeton ha dichiarato che il restringimento monetario della Fed ha allarmato eccessivamente gli investitori; sarebbe ora il momento, dunque, per un rasserenamento e un ritorno alla fiducia nelle economie emergenti.

In questo quadro globale non dobbiamo dimenticare la guerra commerciale tra USA e Cina, che già da diversi mesi è stata causa di altissima volatilità di quasi tutti gli asset. Non per ultimi hanno subito il corpo anche le lazioni di recente industrializzazione; tuttavia, secondo Hasenstab, potremmo assistere a breve ad una tregua, o comunque un ammorbidimento delle tensioni, con successiva ripresa dell’economia globale.

Paesi emergenti su cui investire

Sempre a detta dell’annalista, il 2019 sarà l’anno dell’Argentina, il cui peso è, da svariati mesi, tra le valute con performance peggiore. Anzi, secondo Hasenstab potrebbe essere proprio l’Argentina la locomotiva trainante dell’intero settore. Attenzione però ad una certa volatilità che potrebbe caratterizzare l’autunno del prossimo anno, in concomitanza con le elezioni presidenziali. I sondaggi danno già per vincitore Mauricio Macri, che peraltro piace anche ai mercati. Il Paese, con il programma di Macri, dovrebbe riuscire a ridurre l’inflazione e togliere terreno al debito pubblico, stabilizzando così l’economia nazionale.

Buone opportunità di investimento verranno anche dal Brasile e dall’India. In particolare, la crescita di entrambi i Paesi sarà determinata dalle politiche dei presidenti Bolsonaro e Modi.

Da evitare sarebbero invece azioni, obbligazioni e valute di Turchia e Venezuela, la cui crisi finanziaria ha raggiunto ormai livelli emergenziali.

Trovi qui le previsioni sui mercati per il 2019.

I SOLDI AL LAVORO AL POSTO TUO!

Clicca per iscrizione trading online