Edizione di martedì 14 agosto 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Rendimento BOT 2018: come calcolare, commissioni e ritenuta fiscale

Sei interessato a conoscere il rendimento dei BOT, Buoni Ordinari del Tesoro? Hai acquistato dei buoni qualche anno fa e oggi vuoi sapere quanto puoi guadagnare? In questo articolo vogliamo indicarti quanto rende questo investimento sicuro obbligazionario italiano, con i tassi di rendimento aggiornati al 2018.

BOT 2018, quanti ce ne sono e classificazione

Iniziamo prima con la classificazione dei BOT, che sono in tutti i casi degli strumenti di investimento a breve termine:

  • 3 mesi;
  • 6 mesi;
  • 12 mesi

A seconda della scadenza ci sono dei rendimenti diversi, che sono sempre calcolati facendo la differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita, alla scadenza del titolo. Per questo motivo, i BOT non prevedono alcuna cedola, ovvero non ricevono il pagamento di interessi periodici.

Attenzione anche al fatto che il rendimento ottenuto sarà tassabile: oggi la tassa (o ritenuta fiscale) sui BOT è del 12,5%.

Come comprare i BOT 2018

Il modo più sicuro per acquistare BOT è tramite le aste organizzate periodicamente dal governo. Per accedere ad esse ci si può rivolgere alla propria banca di fiducia, che applicherà delle commissioni, come segue:

  • massimo 0,05% per BOT con durata fino a 80 giorni;
  • massimo 0,1% per BOT con durata tra 81 e 170 giorni;
  • massimo 0,2% per titoli con durata tra 171 e 350 giorni;
  • massimo 0,3% per i titoli che hanno durata da 351 in su (fino a 365 giorni)

Calcolo rendimento BOT

Per poter calcolare il rendimento dei BOT si avrà bisogno delle seguenti informazioni:

  • prezzo di emissione
  • commissioni applicate dalla banca per poterli comprare
  • durata in giorni dell’investimento

Il valore di rimborso è sempre pari a 100.

Andiamo dunque a calcolare il rendimento dei BOT ad oggi.

Supponiamo di avere investito in un BOT della durata di 1 anno (360 giorni) pagandolo 98.

Per prima cosa occorre considerare il costo delle commissioni bancarie, che nel nostro esempio è lo 0,3% , per cui su un rendimento di 100 è pari a 0,3 .

Secondo passo è calcolare la ritenuta d’acconto, cioè il 12,5% sul rendimento. Nel nostro esempio il rendimento lordo è 2 (cioè 100 – 98), e il 12,5% su questo importo è 0,25 .

Il costo totale è dato dunque dalla spesa di acquisto, più le commissioni, più la ritenuta, cioè 98 + 0,3 + 0,25 = 98,55.

Ecco dunque che i rendimenti netti dei BOT sono: 100 – 98,55 = 1,45.

Applicando la formula:

R = (I / P) x (360 / N) / 100

otteniamo

R = (1,45 / 98,55) x (360 / 360) / 100 = 1,43%

  • R = rendimento semplice netto;
  • I = interessi netti percepiti;
  • P = prezzo di acquisto;
  • N = durata in numero di giorni

Conviene investire in BOT nel 2018? Investimenti alternativi e più remunerativi

Anche nel 2018 i BOT sono una forma di investimento sicura ed affidabile, anche perché sono emessi dallo stato quindi si ha la certezza del rimborso a scadenza. Considerando questo, tuttavia, non sempre conviene investire perché i rendimenti sono davvero bassi.

Se siete alla ricerca di investimenti sicuri ma più remunerativi, potete provare i conti deposito, che garantiscono rendimenti anche superiori al 2% , e la soluzione MoneyFarm, più a lungo termine ma che permette di avere rendimenti anche superiori al 10%.