Edizione di venerdì 19 Aprile 2019 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Apple card: cosa è e come funziona la carta di credito di Apple

Apple card: cosa è e come funziona la carta di credito di Apple

Il 25 marzo appena trascorso il CEO di Apple Tim Cook ha presentato tutte le prossime novità del colosso di Cupertino. Una in particolare ha stuzzicato la curiosità di clienti e appassionati: arriverà la Apple Card.

Si tratta di una carta di credito virtuale, un sistema di pagamento che conosciamo già bene, pensato specificamente per Apple Wallet e per il sistema operativo iOs. In realtà sarà possibile chiederne anche una versione fisica in titanio, che riporterà nome e cognome dell’intestatario e l’iconica Mela. Nessun codice numerico sarà invece stampato sulla carta, poiché tutti i dati saranno registrati sull’iPhone al momento del rilascio. Con la carta fisica sarà possibile pagare anche presso gli esercenti che non accettano Apple Pay.

A questo proposito potremmo definire Apple Card come un’evoluzione del sistema Apple Pay, uno dei più redditizi della società. Cook ha infatti ribadito che in questi primi tre mesi del 2019 sono state effettuate circa 10 miliardi di transazioni.

Apple Card: tutte le caratteristiche

Apple intende quindi garantire al contempo sicurezza e privacy; al momento dell’attivazione verrà creato un numero unico sul tuo device, e per gli acquisti basterà semplicemente sbloccarlo tramite i riconoscimenti Touch Id o Face Id integrati all’iPhone. Il tutto all’interno dell’app Wallet presente negli iPhone.

Per il resto, la modalità di gestione è la stessa di altre carte di credito/debito. App dedicata attraverso cui monitorare movimenti e pagamenti e gestire le rateazioni saranno le funzionalità base, ma Apple le ha integrate con un sistema di cashback. Si chiama Daily Cash, e consentirà agli utenti di ottenere un rimborso immediato del 2% sugli acquisti digitali e su quelli effettuati tramite circuito Apple Pay. La percentuale arriva al 3% nel caso di spese su prodotti fisici Apple, mentre si riduce all’1% per tutto il resto. I crediti così ottenuti potranno essere spesi come detrazione su futuri acquisti ma anche scambiati con altri utenti.

Apple Card sarà disponibile per i clienti statunitensi a partire dalla prossima estate. Per quanto concerne la solidità del progetto, come sempre la Mela può contare su partnership d’eccellenza. La carta afferirà infatti al circuito Mastercard e sarà emessa da Goldman Sachs; l’istuto, peraltro, starebbe pensando ad ulteriori implementazioni dei servizi finanziari Apple.

Conto Deposito

SCEGLI UN CONTO DEPOSITO SICURO
Clicca per apertura conto