Edizione di lunedì 17 Dicembre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Assicurazione vita: come detrarre il premio dalla dichiarazione dei redditi

La polizza vita è uno strumento molto importante per proteggere sé stessi e i propri cari da problemi ed eventi che rischiano di minare il bilancio familiare. Abbiamo visto come gestire i risparmi tramite la polizza vita, ma è anche utile sapere che è possibile detrarre la polizza dalla dichiarazione dei redditi.

Per la precisione, ciò che si può detrarre è il premio assicurativo, ossia la somma che annualmente versiamo alla società o banca.

Tutte le polizze che sono state stipulate entro il 31 dicembre del 2000 possono essere detratte nella misura pari al 19%. Il beneficio è concesso a condizione che la il contratto sia stato siglato proprio sulla vita e/o infortuni e che non si sia richiesto un anticipo delle somme accantonate; inoltre, la polizza deve avere una durata di almeno cinque anni.

Le cose stanno in maniera parzialmente diversa per chi ha firmato un contratto dopo il 31 dicembre del 2000. In questo caso la percentuale rimane infatti invariata, ma cambiano i requisiti. Nel dettaglio, si potranno detrarre le spese del premio se questo copre il rischio morte e se la polizza include una copertura per un’eventuale invalidità permanente non inferiore al 5%.

Importante è sapere che è possibile risparmiare detraendo le spese anche se hai siglato il contratto con una compagnia assicurativa estera; i benefici sono validi anche se la polizza non per te ma per qualcun altro a tuo carico.

Detrazione polizza vita: tetto massimo e procedura

Per ottenere la detrazione occorre prestare molta attenzione alla compilazione del 730, nel caso in cui tu decida di effettuare la procedura in maniera autonoma online. Viceversa, se ti rechi presso un CAF, ricorda di portare con te la documentazione necessaria.

Ad ogni modo, dovrai inserire le voci di spesa nel quadro E, relativo a spese ed oneri. Qui potrai dichiarare non solo quanto hai corrisposto per la tua polizza vita, ma anche tutto ciò che riguarda assicurazioni per gravi disabilità  e/o rischio di non autosufficienza, invalidità e rischio morte. Contraente e beneficiario possono anche non coincidere, ma devono fare parte del medesimo nucleo familiare.

Per quanto concerne l’assicurazione sulla vita, potrai detrarre massimo 530€, mentre per l’assicurazione per il rischio di non autosufficienza il tetto è di 1.291,14€.