Edizione di mercoledì 17 ottobre 2018 | Home - Redazione - Note legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità su tradinglabs.it

Risparmiare sull’energia elettrica: ecco come fare

In periodo di crisi l’imperativo di ogni famiglia è quello di risparmiare, e qual modo migliore che non stando attenti al consumo della corrente elettrica? Bastano piccole accortezze per alleggerire di non poco la bolletta!

Rispamiare gestendo l’illuminazione e gli elettrodomestici

Sarebbe ridondante ricordare di spegnere la luce della cucina se si è in camera da letto, quindi vogliamo concentrare la tua attenzione su un altro punto: la scelta delle lampadine. Le lampadine a LED sono le più convenienti, e ti permetteranno di risparmiare sino al 75% rispetto ad altre “sorelle” a basso consumo.

Altra accortezza riguarda l’uso degli elettrodomestici, in particolar modo quelli che tendiamo a tenere in perenne stato di attività o stand by: il computer e la televisione. Sarà utile collegarli alla presa elettrica utilizzando una ciabatta con tasto di alimentazione, così da spegnerli subito dopo l’uso. Una nota importante riguarda anche la classificazione energetica; orientandosi su strumenti dalla Classe A+ in su avremo non solo migliori prestazioni ma anche un considerevole risparmio.

Apri un conto demo gratuito per fare trading con Binck Bank

Tariffe della luce: quale scegliere?

Se nonostante tutte le accortezze la bolletta continua ad esser salata, abbiamo un problema: la tariffa non è adeguata alle nostre esigenze. In particolare, è probabile che il tuo contratto sia ancora legato al servizio di maggior tutela, ossia ante la liberalizzazione del 2007.

Inoltre negli ultimi anni l’AEEGSI ha effettuato importanti tagli al prezzo di riferimento dell’energia elettrica, e se la tua fornitura è ancora quella di 10 anni fa è ora di cambiarla; potrai risparmiare oltre 135€ l’anno, e ancora di più se invece hai uno dei primi contratti in regime di mercato libero.

Un ultimo consiglio riguarda un annoso dilemma: tariffa monoraria o bioraria? Se infatti concentri l’uso di elettrodomestici dalle 19 alle 8 del mattino nei giorni feriali, e durante tutto il giorno nei weekend e festivi, noterai immediatamente la convenienza.

Ciò però è vantaggioso solo se passi gran parte della giornata fuori casa. Va anche valutato l’impatto dei rumori per il tuo riposo e quello dei tuoi vicini. In caso contrario potresti incorrere in un sovrapprezzo, ed è dunque preferibile una tariffa monoraria che sfrutti le ore diurne a un costo ridotto.